Torno a Roma dopo dieci giorni in Armenia, dieci giorni di monasteri, altipiani, canyon, e l’emozione di percorrere a tratti la Via della Seta – e dieci giorni senza giornali, a parte la lettura in internet de Il Fatto Quotidiano. Appena uscita da Fiumicino mi rituffo con voluttà nelle edizioni cartacee, e leggo con sgomento tra i necrologi della improvvisa scomparsa di Flavia Tolnay, collega, a volte anche rivale, sempre amica.

Una Signora in meno, in questo nostro mondo che diventa sempre più volgare – questo il mio primo desolato pensiero.E poi i ricordi di un’epoca che non c’è più.

Negli anni ’80, quando lavoravo come assistente di Lucio Ardenzi, praticamente ogni primavera mi toccava di fare il giro delle “vecchiette” (come, irrispettosamente, le chiamavo – prima di diventare una di loro) alla ricerca di nuovi (o vecchi) testi interessanti per le nostre compagnie. Erano tutte delle vere, grandi signore appassionate di teatro: Laura Del Bono (che in seguito mi convinse a dedicarmi al suo stesso lavoro), Connie Ricono, Maria Pia D’Arborio, e Lea Danesi: tutte con suggerimenti e copioni interessanti (anche se magari non erano esattamente quelli che cercavo).

Oggi il lavoro di Maria Pia D’Arborio viene continuato da sua nuora Paola; mentre il lavoro di Lea Danesi è stato continuato brillantemente dalla figlia Flavia. Alle altre Signore sono (siamo) subentrate donne non di famiglia.

Ma fra tutte coloro che sono succedute alle “vecchiette” originali – l’unica che ha mantenuto l’impronta e l’allure della Grande Signora era proprio Flavia. Noialtre vecchiette odierne in fondo siamo soltanto delle (sia pur a volte appassionate) donne che lavorano.

Ciao, Flavia. Mi mancherai!

0 Commenti

  • Daniele Marchesini Posted 11 novembre 2011 23:39

    S.O.S. Approfitto ancora una volta della sua disponibilità. Sono alla disperata ricerca di un testo brillante, può andar bene anche una farsa, con soli attori uomini, 4 max 6, tra i 30-50 anni ( se uno è anche anziano può andare lo stesso). Se mi può indicare un consiglio o meglio un copione. Grazie infinite

Aggiungi Commento