bemybAll’inizio della commedia, i due protagonisti, Maud e John, nutrono una profonda e reciproca antipatia l’uno per l’altra.

Purtroppo sono costretti a frequentarsi dall’amore che lega Gloria, la nipote di Maud, a Christy, il nipote di John. I due ragazzi hanno deciso di sposarsi, e poiché sono rimasti orfani molto presto dovranno essere i rispettivi zii ad agire in loco parentis in occasione del matrimonio, che avverrà in un luogo sperduto della Scozia, dove Christy vive e dove Gloria ha scelto di vivere assieme a lui dopo le nozze.

Siamo negli anni ‘60, e i due ragazzi si amano sulla colonna sonora degli hits di quell’epoca. Maud e John, invece, non perdono occasione per litigare e scambiarsi acide battute.bemyb2

Purtroppo, qualche tempo dopo il matrimonio, Gloria ha un parto prematuro in cui perde il bambino che aspettava e la possibilità di averne un altro. La ragazza è disperata: l’unica cosa che sembra darle speranza è che una sua lontana cugina di San Francisco ha appena partorito una bambina che vuole dare in adozione e Gloria partirebbe anche subito per prendersela lei. Poiché, però, i dottori proibiscono lo strapazzo di un simile viaggio, viene deciso che a prendere la bambina andranno… i due zii.

Il viaggio in aereo terrorizza Maud e mette a dura prova la pazienza di John, la convivenza con John in un albergo di San Francisco mette a dura prova la pazienza di Maud. Quando poi viene loro affidata la neonata, all’inizio litigano su chi debba occuparsi di lei.

bemyb3Ma ben presto si trovano a dover trovare, sia pure controvoglia, una qualche forma di alleanza, e perfino di affetto.

Una serie di vicissitudini tiene i due anziani bloccati a San Francisco, mentre in Scozia il matrimonio dei due ragazzi sta andando a rotoli: Gloria sente la mancanza di Londra e della vita mondana che poteva fare lì, ed ha cominciato ad uscire con una specie di lontano cugino, che Christy non vede di buon occhio.

Maud e John si affezionano sempre più alla neonata. Dopo aver invano chiesto lumi a Gloria e Christy su che nome darle, sono loro a decidere di chiamarla Miranda, come il personaggio shakespeariano.bemyb1

Finiscono anche col pensare che Gloria e Christy sono molto giovani, e faranno sempre in tempo ad adottare un bambino, mentre per loro Miranda potrebbe essere l’ultima possibilità. Che fare? Certo, per poterla adottare dovrebbero sposarsi… e all’improvviso questa prospettiva non sembra più così atroce. Ma come dirlo ai ragazzi?

Quando finalmente si rivedono tutti assieme, Gloria parla delle sue difficoltà con Christy, e Maud, in uno slancio di generosità, dice che la bambina riuscirà certamente ad appianare le divergenze: è pronta a rinunciarvi. Ma il suo sacrificio non è richiesto: Gloria e Christy hanno deciso di voler viaggiare e svagarsi, e che per salvare il loro matrimonio non possono certo rinchiudersi in casa a fare i genitori; la bambina verrà quindi data in adozione!

E Maud e John sono pronti a sposarsi per poterla adottare.

1 Commento

  • Francesca Trentacoste Posted 15 febbraio 2013 14:23

    Gent.ma , faccio parte dell’Associazione di promozione sociale e culturale “Il Battello Ebbro – Laboratorio d’Idee” di Marineo (PA).
    Le attività svolte dall’Associazione sono tutte senza fini di lucro e atte a creare momenti di “crescita umana ancor prima che artistica”. Tra le attività riveste particolare importanza quella teatrale.
    E proprio a tal proposito le scrivo. Sto ricercando alcuni copioni di Ken Ludwig, senza alcun successo, sarebbe possibile averli da Lei (in particolare il copione di “La luna degli attori”)? O potrebbe gentilmente fornirmi le indicazioni su come per reperirli?
    La ringrazio anticipatamente,
    F.Trentacoste

Aggiungi Commento